Implantologia elettrosaldata

Con la dicitura implantologia elettrosaldata ci si riferisce ad impianti dentali che si differenziano da quelli tradizionali in quanto collegati tra loro da un filo elettrosaldato, che consente di renderli più stabili.

Per mezzo dell’ elettrosaldatura viene infatti collegata la parte che emerge dagli impianti, che vengono realizzati in titanio in quanto si tratta di un materiale che assicura un’ottima tollerabilità e un ridotto numero di allergie, con un filo in titanio, assicurando da subito un’ottima tenuta e consentendo di procedere poi con il carico immediato degli impianti.

implantologia elettrosaldata

Le fasi preliminari dell’intervento di implantologia elettrosaldata

Prima di procedere con l’intervento vengono effettuate tutte le analisi preliminari necessarie a valutare correttamente la possibilità o meno di inserire gli impianti e soprattutto a definire il modo più efficace di operare per assicurare loro stabilità e durata nel tempo.

Questa valutazione è imprescindibile per assicurare il buon esito dell’intervento. 

Gli esami che vengono effettuati per determinare la fattibilità dell’intervento sono i seguenti:

  • lastra panoramica 
  • TAC Cone Beam 
  • Dentalscan. 

Una volta svolti tali esami infatti sarà possibile procedere con l’intervento in totale sicurezza. Per assicurare sempre la massima serenità a chi affronta l’intervento inoltre il paziente viene viene sottoposto a sedazione analgesica da parte di un medico anestesista. 

Questo consente al paziente di affrontare l’intervento davvero senza preoccupazioni.

L’inserimento degli impianti elettrosaldati

Dopo gli esami e la sedazione si procede con l’intervento vero e proprio. Dopo aver esposto l’osso per procedere con la realizzazione dei fori nei quali verranno posizionate le fixture, questi vengono ampliati sino alla grandezza necessaria per ospitare le viti in titanio.

Dopodiché si procede con l’inserimento delle fixture che sono in grado di ancorarsi all’osso, favorendo l’osteointegrazione.

In seguito tali impianti vengono poi saldati stabilmente grazie alla saldatrice endorale, assicurando un’ottima stabilità.

A questo punto sarà poi possibile procedere con il caricamento degli impianti e in poche ore sarà finalmente possibile avere una dentatura già molto realistica a livello estetico e al contempo funzionale in quanto sarà possibile tornare a masticare da subito, partendo in una prima fase dai cibi morbidi. Nei primi giorni non è consigliabile assumere cibi e bevande calde.

L’intervento di implantologia elettrosaldata è doloroso?

Tale intervento implantologico non si rivela doloroso in quanto viene svolto in sedazione analgesica controllata, effettuata da un anestesista esperto. 

Nei primi giorni successivi all’intervento è possibile che si avverta un lieve fastidio, ma nel corso di pochi giorni il disagio si attenua fino a scomparire definitivamente.

In caso di gonfiore può arrecare sollievo tenere la borsa dell’acqua calda vicino alla zona dell’intervento.

L’utilizzo di tecniche all’avanguardia, che il Dottor Parabita ha avuto modo di approfondire e mettere in atto con successo in anni di interventi, e la presenza costante di un anestesista esperto assicureranno infatti un intervento in totale serenità.

Accurate valutazioni preliminari e massima competenza nello svolgimento dell’intervento, oltre all’utilizzo dei materiali più indicati e delle tecniche più innovative, contribuiranno infatti al successo dell’intervento che comporta pochissimi rischi, derivanti per lo più da una poco accurata valutazione preliminare.

Perché scegliere un intervento di implantologia elettrosaldata?

L’intervento di implantologia elettrosaldata presenta numerosi vantaggi. Indubbiamente uno dei principali è quello di riuscire a sopportare sin da subito le sollecitazioni dovute alla masticazione, sollecitazioni che non sarebbe possibile sostenere con l’utilizzo di impianti tradizionali.

Grazie all’elettrosaldatura infatti è possibile caricare in una sola giornata la protesi provvisoria che consente al paziente di avere da subito i denti fissi grazie all’utilizzo di innovative tecniche implantologiche come il carico immediato, che garantisce una guarigione più rapida in quanto i fori per l’inserimento degli impianti sono realizzati con tecniche computer guidate che consentono di effettuarli in modo più preciso e di conseguenza mini invasivo.

La stabilità fornita dall’elettrosaldatura infatti costituisce un solido supporto su cui caricare da subito i denti. Sin da subito infatti sarà possibile caricare i denti provvisori, già estremamente funzionali ed estetici, che consentono già di mangiare cibi morbidi.

Dopo un paio di mesi potranno essere sostituiti dai denti fissi definitivi, senza dover più ricorrere a fastidiose e antiestetiche dentiere.

I consigli per assicurare una lunga durata agli impianti elettrosaldati

Indubbiamente, per assicurare una maggior durata nel tempo agli impianti, è bene adottare alcune buone norme quali ad esempio lavare i denti dopo ogni pasto, usare il filo interdentale e lo scovolino con regolarità e fare sciacqui con il collutorio con una buona frequenza.

Queste buone prassi consentono di prolungare la durata degli impianti assicurandone una prolungata durata nel tempo.